Il DL Semplificazioni relativamente alla Nuova Sabatini ha raddoppiato, portandola così a 200 mila euro, la soglia di investimento/finanziamento che dà diritto al contributo in un’unica soluzione (anziché in 5 rate).

Cosa prevede la Nuova Sabatini

La Nuova Sabatini, prevede contributi per investimenti in Beni Strumentali, l’intervento agevolativo è volto alla concessione alle micro, piccole e medie imprese di un finanziamento agevolato per investimenti in nuovi macchinari, impianti e attrezzature, compresi gli investimenti in beni strumentali “Impresa 4.0” (finanziamenti bancari o leasing).

Si favoriscono gli investimenti di carattere innovativo

Il contributo concesso è  pari al 2,75% annuo sugli investimenti ordinari  ed è  maggiorato del 30% – quindi pari al 3,575% annuo – per la realizzazione di investimenti in tecnologie 4.0, per favorire la realizzazione di investimenti aventi carattere spiccatamente innovativo, con particolare riferimento a quelli ascrivibili al cosiddetto “Manufacturing 4.0”, per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica aventi come finalità la realizzazione di investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID).

Anche investimenti a basso impatto

Dal 2020 anche per gli investimenti a basso impatto ambientale nell’ambito di programmi finalizzati a migliorare l’ecosostenibilità dei prodotti e dei processi produttivi, viene incrementato del 30% il contributo che risulterà quindi pari  al 3,575% su un piano di ammortamento di 5 anni con rate semestrali.

Chi sono i Beneficiari:

  • Micro, Piccole e Medie imprese con sede operativa in Italia.

Quali sono gli investimenti ammissibili:

  • macchinari, impianti, beni strumentali d’impresa e attrezzature nuove di fabbrica;
  • hardware, software e tecnologie digitali;
  • sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

Attenzione: ogni obbligazione contrattuale che viene assunta sui beni acquistati direttamente o tramite leasing, deve essere successiva alla domanda di contributo.

L’investimento deve essere completato entro 12 mesi dalla data di stipula del finanziamento.

Il Contributo

Il contributo, non è in regime “de minimis”, ma in regime generale di esenzione, ed è pari all’ammontare degli interessi calcolati al 2,75% o 3,575% su un piano d’ammortamento di 5 anni con rate semestrali di importo corrispondente al finanziamento.

Il finanziamento deve essere erogato in unica soluzione, per un periodo non superiore a 60 mesi, può coprire fino al 100% dell’investimento e non può essere inferiore a 20.000,00€ e superiore a 4.000.000,00€

Per i finanziamenti non superiori a 200.000,00 euro è previsto che il contributo venga erogato in unica soluzione.

Termini e procedure di presentazione delle domande

Le domande si possono presentare fino ad esaurimento dei fondi disponibili. La richiesta dovrà essere firmata digitalmente e dovrà essere invita tramite Pec.

Per maggiori informazioni, è possibile contattare PrefinaParma, società di consulenza e accesso al credito e finanza agevolata del Gruppo CNA Parma ai seguenti contatti: T. 0521.227231 | E: prefinaparma@cnaparma.it