In attesa della pubblicazione di ulteriori messaggi e circolari integrative da parte dell’INPS, recanti disposizioni e indicazioni procedurali anche per le categorie che per ora attendono disposizioni e chiarimenti, è opportuno fare il punto della situazione in merito all’indennità 200 € che tanto interesse sta suscitando.

Data la eterogeneità dei potenziali beneficiari, è utile raggruppare le categorie dei medesimi in cinque diverse tipologie, come di seguito riportato:

  • Indennità una tantum per lavoratori dipendenti;
  • Indennità una tantum per lavoratori autonomi e professionisti;
  • Indennità una tantum per altre categorie di lavoratori;
  • Indennità una tantum per percettori di specifiche indennità previdenziali o assistenziali;
  • Indennità una tantum per pensionati.

Va ricordato che l’indennità spetterà una solta volta, anche nei casi in cui l’interessato rientri contestualmente in più d’una categoria di cui sopra.

1. Indennità una tantum per lavoratori dipendenti

La disposizione prevede una indennità una tantum di 200,00 euro netti (per una sola volta, anche nel caso in cui l’interessato sia titolare di più rapporti di lavoro) per i lavoratori dipendenti che abbiano beneficiato, nel primo quadrimestre dell’anno 2022, dell’esonero di cui all’art. 1, co. 121, della Legge n. 234/2021, destinato alle retribuzioni mensili non superiori a 2.692 euro, previa dichiarazione del lavoratore di non essere percettore dell’indennità una tantum prevista per le altre categorie.

L’istituto chiarisce che il rapporto di lavoro deve sussistere nel mese di luglio 2022.

2. Indennità una tantum per lavoratori autonomi e professionisti

Seguendo il medesimo schema già adottato per l’esonero contributivo parziale, di cui all’art. 1, commi 20-22bis, della Legge n. 178/2020, è istituito un “Fondo per l’indennità una tantum per i lavoratori autonomi e i professionisti”, con una dotazione finanziaria e limite di spesa pari a 500 milioni di euro per l’anno 2022. Da ciò ne deriva che l’importo del beneficio spettante non è predefinito, ma varierà sulla base del numero complessivo dei beneficiari e, più in generale, dei criteri stabiliti per la ripartizione del fondo.

L’una tantum spetta ai lavoratori autonomi e ai professionisti iscritti alle gestioni previdenziali dell’INPS (artigiani, commercianti, CD/CM e professionisti iscritti presso la Gestione separata), e ai professionisti iscritti alle casse di previdenza private (avvocati, medici, ecc.).

La norma precisa che l’una tantum è incompatibile con le prestazioni di cui agli articoli 1, 2 e 3 del D.L. in commento (Bonus sociale energia elettrica e gas; Incremento dei crediti d’imposta in favore delle imprese per l’acquisto di energia elettrica e di gas naturale; Credito d’imposta per gli autotrasportatori). Ne deriva, pertanto, che i lavoratori autonomi che hanno beneficiato di tali misure, non potranno ottenere l’una tantum in oggetto. Inoltre, anche per tali lavoratori, l’indennità spetta a condizione che non sia stata percepita la medesima di cui agli artt. 31 e 32 del D.L. in commento.

Per la presentazione della domanda per questa categoria si attendono ancora le disposizioni dell’Istituto.

3. Indennità una tantum per altre categorie di lavoratori

Facciamo rientrare nell’ambito “altre categorie di lavoratori” coloro i quali, non appartenenti alle categorie di lavoratori di cui ai precedenti punti 1 e 2, sono accomunati dalla necessità di presentare domanda per ottenere l’indennità una tantum pari a 200 euro.

Più in particolare, tale macro categoria è costituita da:

  • lavoratori domestici (art. 32, co. 8), con in essere uno o più rapporti di lavoro alla data del 18 maggio 2022. Sarà l’INPS ad erogare la relativa indennità nel mese di luglio 2022. Il Decreto-Legge prevede che, per tali lavoratori domestici, le domande possono essere presentate presso gli Istituti di Patronato.
  • titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa e iscritti in via esclusiva alla Gestione separata INPS (art. 32, co. 11). L’indennità è corrisposta ai soggetti che hanno reddito derivante dai suddetti rapporti non superiore a 35.000 euro per l’anno 2021;
  • lavoratori stagionali, a tempo determinato e intermittenti (art. 32, co. 13), con almeno 50 giornate svolte nel 2021 e con reddito derivante dai suddetti rapporti non superiore a 35.000 euro per l’anno 2021;
  • lavoratori iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo (art. 32, co. 14), con almeno 50 contributi giornalieri versati nel 2021, e con reddito derivante dai suddetti rapporti non superiore a 35.000 euro per l’anno 2021;
  • lavoratori autonomi, privi di partita IVA (art. 32, co. 15), iscritti in via esclusiva presso la Gestione separata INPS, titolari nel 2021 di contratti autonomi occasionali ex art. 2222 c.c., con l’accredito nel 2021 di almeno un contributo mensile;
  • incaricati alle vendite a domicilio (art. 32, co. 16), con reddito nell’anno 2021 derivante dalle medesime attività superiore a 5.000 euro e titolari di partita IVA attiva.

Scarica qui la scheda dettagliata relativa a questa macro-categoria

4. Indennità una tantum per percettori di alcune specifiche indennità previdenziali o assistenziali

Rientrano in tale categoria coloro i quali, in corso di percezione o già percettori di alcune specifiche misure previdenziali o assistenziali, non sono tenuti a presentare relativa domanda per l’ottenimento dell’indennità una tantum.

La possibilità, per tale categoria, di ottenere l’indennità senza necessità di presentare relativa domanda emerge dalla formulazione letterale della norma, laddove, a differenza dei soggetti di cui al precedente punto 3), non viene espressamente stabilita l’erogazione a domanda, ma “automaticamente”, “corrisposta d’ufficio”, oppure “riconosciuta dall’INPS”.

Rientrano in tale macro categoria:

  1. i percettori di indennità NASpI e DIS-COLL, nel mese di giugno 2022 che probabilmente riceveranno l’indennità di 200 euro nel mese di ottobre 2022 sempre che non sia stata richiesta l’anticipazione della NASpI;
  2. i percettori, nel 2022, di disoccupazione agricola di competenza 2021;
  3. i lavoratori che nel 2021 hanno beneficiato delle c.d. “indennità COVID”;
  4. i nuclei beneficiari del reddito di cittadinanza, di cui al D.L. n. 4/2019, per i quali l’una tantum è corrisposta unitamente alla rata mensile di competenza, solo nel caso in cui per nessuno dei componenti del nucleo sia stata erogata l’indennità perché rientrante in altre categorie.

Scarica qui la scheda dettagliata di questa macro-categoria.

5. Indennità una tantum per pensionati

La formulazione letterale utilizzata dal legislatore per l’individuazione dei pensionati potenziali beneficiari dell’una tantum di 200 euro è molto ampia, poiché ricomprende i titolari di:

  • uno o più trattamenti pensionistici a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria;
  • di pensione o assegno sociale;
  • di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti; con esclusione della sola indennità di accompagnamento;
  • di trattamenti di accompagnamento alla pensione.

Purché nel mese di giugno risulti la residenza in Italia e la decorrenza del trattamento pensionistico si collochi entro la data del 30 giugno 2022 (anche se la lavorazione della domanda di pensione comporta la liquidazione in data successiva).

Destinatari dell’indennità sono anche i contitolari di pensione ai superstiti.

Inoltre, al fine di ricomprendere davvero la totalità dei pensionati, la norma stabilisce che per i titolari esclusivamente di pensioni non gestite dall’INPS, il casellario centrale dei pensionati, “individua l’Ente previdenziale incaricato dell’erogazione dell’indennità una tantum che provvede negli stessi termini e alle medesime condizioni ed è successivamente rimborsato dall’INPS a seguito di apposita rendicontazione”.

Le prestazioni pensionistiche di cui sopra devono avere decorrenza entro il 30 giugno 2022 e i percettori devono possedere un reddito personale assoggettabile ad IRPEF, al netto dei contributi previdenziali e assistenziali, non superiore, per l’anno 2021, a 35.000 euro.

A questo ultimo proposito, la norma precisa che dal computo del reddito personale assoggettabile ad IRPEF, al netto dei contributi previdenziali ed assistenziali, sono esclusi: i trattamenti di fine rapporto comunque denominati, il reddito della casa di abitazione e le competenze arretrate sottoposte a tassazione separata.

Scarica qui la scheda dettagliata di questa categoria.

——

In generale, in caso di somme corrisposte in eccedenza, l’Ente erogatore provvederà alla notifica dell’indebito entro l’anno successivo a quello di acquisizione delle informazioni reddituali.

Per evitare equivoci e fraintendimenti, si precisa nuovamente che l’indennità una tantum è corrisposta, a ciascun avente diritto, una sola volta, anche nel caso in cui l’interessato svolga attività lavorativa.

Per qualsiasi ulteriore informazione e per fissare un appuntamento per la presentazione della domanda, vi invitiamo a contattare il numero 0521227211 chiedendo del Patronato Epasa-Itaco, oppure di scrivere una mail a parma@epasa-itaco.it.

Tag: