A seguito della proroga dello stato emergenziale da Covid-19 sono slittati gli effetti di numerosi atti amministrativi.

Ne consegue che, viene prorogata anche la validità del Durc, in particolare, i Durc che riportano come “Scadenza validità” una data compresa tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2020, risultano prorogati per legge fino al 29 ottobre 2020.

Tutti i contribuenti per i quali è stato già prodotto un Durc online, con data fine validità compresa tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2020, ovvero i richiedenti ai quali sia stata comunicata la formazione del medesimo Durc online, devono ritenere valido lo stesso documento fino al 29 ottobre 2020, nell’ambito dei procedimenti in cui è richiesto il possesso del Durc, senza procedere ad una nuova interrogazione.

È stata anche chiarita la possibilità per le stazioni appaltanti/amministrazioni procedenti negli appalti pubblici, di scegliere se utilizzare o meno il Durc con validità prorogata per legge fino al 29 ottobre 2020, in relazione alle specifiche finalità per le quali è richiesta la verifica della regolarità contributiva. Nel caso in cui la stazione appaltante non ritenga valido tale Durc con validità prorogata fino al 29 ottobre, sarà necessario attivarsi per richiedere un nuovo documento di regolarità contributiva.