All’indomani dell’inizio della Fase 2 il mondo dell’autotrasporto si interroga sul futuro.

Nonostante i provvedimenti decisi finora del Governo, le associazioni di categoria riunite in Unatras hanno scritto alla ministra Paola De Micheli evidenziando tutti gli interventi più  urgenti necessari a garantire l’integrità del settore che, pur fra mille difficoltà operative ed economiche,  ha continuato a lavorare nel pieno dell’emergenza.

Come spiega Patrizio Ricci, presidente di CNA Fita, ai microfoni di Container, su Radio 24, la questione della liquidità è senza dubbio la più centrale per poter dare ossigeno alle imprese. A questo tema ne sono legati altri come la richiesta di tempi certi di pagamento, la proroga sul rinnovo del parco veicolare o l’abbassamento del premio assicurativo.

Non meno importante, poi, il tema della formazione dei conducenti – attualmente sospesa- che necessita di essere ripristinata nel rispetto delle regole di sicurezza personale e collettiva.