Artigiani e piccoli imprenditori hanno bisogno di un supporto, di chi li aiuti a individuare le soluzioni tecnologiche coerenti con le sue necessità”. E’ quanto sottolinea Sergio Silvestrini, Segretario generale della CNA, al Corriere della Sera parlando del progetto “PMI Digital Lab” promosso dalla Confederazione. Un altro esempio concreto della vicinanza della CNA ai bisogni delle imprese.

“CNA si è assegnata il compito, ambizioso, di facilitare – afferma Silvestrini – il cambio di approccio degli imprenditori ma da soli non potevamo caricarci di un fardello così pesante. Ecco perché con Talent Garden abbiamo cercato partner del calibro di Comau e Olivetti, Samsung e TIM, UniCredit e Pwc Italia in grado di accompagnare noi, gli artigiani, le piccole imprese per un tratto importante. L’occasione li ha appassionati: è nato così il progetto Pmi Digital Lab. Si tratta di un progetto nel quale l’esempio riveste un ruolo fondamentale. Agli strumenti pratici – continua il Segretario generale della CNA – come le tecnologie e i metodi, si affiancheranno le testimonianze delle imprese innovative e di successo”.

Il tocco in più di Pmi Digital Lab è rappresentato dalla concretezza dei nostri partner – rileva Silvestrini – che ai problemi reali di artigiani e piccole imprese in cerca dell’innovazione adeguata proporranno soluzioni adatte a vincere la sfida e fatte su misura per le loro esigenze”.

Il progetto Pmi Digital Lab si fonda su una indagine approfondita condotta dalla CNA sullo stato dell’arte della digitalizzazione tra artigiani e piccole imprese. Cinque le motivazioni che spingono le Pmi a digitalizzarsi: maggiore efficienza nel processo produttivo, accesso ai dati ovunque e in qualsiasi momento, adeguamento alle nuove norme su temi come privacy e fatturazione elettronica, snellimento delle pratiche burocratiche e amministrative, e infine innovazione di prodotto e di servizi. Dall’indagine emerge inoltre che le Pmi sono consapevoli dell’esigenza della digitalizzazione e il 91% ritiene che sia importante introdurre strumenti digitali.

Leggi l’articolo del Corriere della Sera