Qualità, efficienza, ecosostenibilità, ricerca, adempimenti. Su questi temi si è svolto il seminario organizzato da CNA Parma per le lavanderie in collaborazione con Tecna e Rampi.

pubblicato 07/12/2017 alle 11:21

articolo di Giulia Ghiretti

Si è svolta mercoledi 6 Dicembre alle 20.30 presso la sede della CNA di Parma un importante momento di confronto e formazione per il settore delle lavanderie che ha visto la partecipazione di numero imprese artigiane e la presenza di un’importante azienda, Rampi Srl, leader in questo settore e partner dell’evento insieme a Tecna.

 

Dopo una introduzione a cura di Alessandra Capella di Tecna circa gli adempimenti in materia di sicurezza, ambiente, rifiuti ed emissioni in atmosfera e le rispettive scadenze annuali, la serata è stata condotta dall’Ing. Simona Atzeri del reparto Ricerca e Sviluppo di Rampi e dal Dott. Antonio Turina, Responsabile Commerciale dell’azienda.  Sono stati affrontati in modo scientifico diversi temi molto interessanti, nello specifico, una tipologia di lavaggio innovativa chiamata Wet Cleaning che rappresenta il futuro per le lavanderie artigianali, in altri Paesi, come la Germania, già molto diffusa, mentre in Italia ancora poco utilizzata.

 

Si tratta di un innovativo sistema di lavaggio professionale di indumenti che precedentemente potevano essere trattati solo a secco. L’aspetto innovativo consiste del Wet Cleaning è che non utilizza sostanze e prodotti chimici pericolosi in primis per l’uomo e per l’ambiente ed inoltre non è inquinante per l’aria. La serata si è poi conclusa con un dibattito “informale” sollecitato dell’interessante intervento dell’Ing. Atzeri ed è terminata con un omaggio a cura di Rampi che è stato consegnato a tutte le aziende che hanno partecipato all’incontro. 

Torna indietro

Lascia il tuo commento