Legge di stabilità 2018: proroga degli incentivi agli investimenti

pubblicato 26/02/2018 alle 09:13

articolo di Davide Maestri

La Legge di Bilancio 2018, approvata e pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 29.12.2017, conferma le principali misure di incentivo agli investimenti introdotte negli ultimi anni. In particolare:

  • NUOVA SABATINI: rifinanziata con ulteriori 330 milioni di euro nel periodo 2018-2023 l’agevolazione che concede un contributo in conto interessi per gli investimenti in beni strumentali nuovi: al 2,75% per gli investimenti ordinari e al 3,575% per gli investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti. Per rafforzare gli investimenti relativi ad Industria 4.0 viene portata inoltre dal 20% al 30% la riserva per i contributi sugli investimenti previsti da Industria 4.0, assicurandone comunque la finanziabilità in caso di esaurimento delle risorse.
  • SUPER AMMORTAMENTO: la maggiorazione del costo di acquisizione dei beni scende al 30% (dal precedente 40%), e le imprese potranno usufruirne per gli investimenti effettuati dal 1.1.2018 e fino al 31.12.2018. Sono esclusi:
    • tutti i veicoli e i mezzi di trasporto di cui a tutto il comma 1 dell’art. 164 del TUIR (quindi non più solo i veicoli a deducibilità limitata).
    • Qualora l'ordine al fornitore sia accettato entro il 31.12.2018, ed entro tale data siano versati acconti pari ad almeno il 20%, gli investimenti potranno essere effettuati entro il 30.06.2019.
  • IPER AMMORTAMENTO: resta invariata la maggiorazione del 150% prevista dalla precedente legge di Bilancio riservata alle imprese che effettuano investimenti entro il termine del 31.12.2018 (anziché 31.12.2017) in beni materiali strumentali nuovi funzionali alla trasformazione tecnologica e/o digitale secondo il modello Industria 4.0, inclusi nell’Allegato A della legge di Bilancio 2017.

Qualora l'ordine al fornitore sia accettato entro il 31.12.2018, ed entro tale data siano versati acconti pari ad almeno il 20%, gli investimenti potranno essere effettuati entro il 31.12.2019.

Prorogata anche la maggiorazione del 40%, del costo di acquisizione dei beni immateriali funzionali alla trasformazione tecnologica e/o digitale secondo il modello Industria 4.0 (beni compresi nell’Allegato B alla legge di Bilancio 2017), applicabile esclusivamente ai soggetti che usufruiscono dell’iper ammortamento 2018, con riferimento gli investimenti effettuati fino al 31.12.2018 o, alle condizioni sopra indicate, al 31.12.2019.

Infine viene regolamentata la possibilità di cedere a titolo oneroso un bene oggetto di agevolazione prima del termine del periodo di ammortamento: si potrà continuare a godere dell'iper ammortamento fino al termine delle quote, purché nello stesso periodo d'imposta del realizzo venga acquistato un bene nuovo con caratteristiche analoghe o superiori a quello dismesso e che si attesti sia il nuovo investimento sia il requisito dell’interconnesione. Nel caso in cui il costo di acquisizione del nuovo bene sia minore a quello originario, la deduzione proseguirà fino al raggiungimento del costo del nuovo investimento.

Con la proroga viene confermata anche la documentazione richiesta per poter beneficiare dell’agevolazione, dopo che la circolare del 15.12.2017 ha chiarito i principali dubbi a riguardo.

 

PREFINA PARMA - CNA è a disposizione per offrire alle imprese interessate consulenza tramite un team di esperti in merito al Super Ammortamento, per redigere la domanda di Nuova Sabatini e per predisporre la documentazione tecnica obbligatoria relativa all’Iper ammortamento attraverso ingegneri abilitati. 

 

Per maggiori Informazioni: Davide Maestri | 0521.227295 | dmaestri@cnaparma.it

Torna indietro

Lascia il tuo commento