Lavoro Autonomo: il Jobs act delle professioni è un importante passo in avanti

pubblicato 11/05/2017 alle 11:12

articolo di Massimo Perotti

CNA accoglie con favore il via libera al disegno di legge 2233, conosciuto come il “Jobs act delle professioni”. Un provvedimento che rappresenta un passo in avanti molto importante per il lavoro autonomo, con l’obiettivo di costruire un sistema di diritti e di welfare moderno, capace di sostenere il presente e di tutelare il futuro di questi lavoratori.

 

Il “Jobs act delle professioni” e il provvedimento inserito nella Legge di Bilancio 2017 che riduce l’aliquota contributiva per gli iscritti alla gestione separata, sono gli strumenti di legge che maggiormente toccano il mondo dei professionisti individuati dalla legge 4 e contribuiscono a migliorare il loro futuro.

 

Un nuovo sistema di regole e di disposizioni che rappresenta un risultato epocale e risponde al primo, grande, obiettivo che CNA si era posto: rendere visibile e riconosciuta questa realtà, farne capire e conoscere le peculiarità e l’importanza economico sociale per porla all’attenzione del legislatore fino a inserire richieste e necessità nell’agenda di Governo.

 

Ora ci attendono altri passi importanti su semplificazione, previdenza, burocrazia e fisco. Vanno inoltre definite, in modo inequivocabile, le caratteristiche che escludono il professionista dal pagamento dell’Irap per l’assenza dell’autonoma organizzazione e va rivista l'estensione dello split payment ai professionisti che lavorano con la Pubblica amministrazione e le società quotate.

 

In allegato il testo approvato.

 

Fonte: Coordinamento CNA Professioni.

Torna indietro

Lascia il tuo commento