Collaborazione fra i tre direttivi della zona bassa est

pubblicato 03/11/2014 alle 10:33

articolo di Francesco Cepparulo

I direttivi di Fidenza, Pontetaro e Salsomaggiore che ricoprono l’area dei Comuni di Noceto, Fontanellato, Fontevivo, Fidenza, Soragna, Busseto, Zibello, Polesine, Pellegrino Parmense, Salsomaggiore, si sono riuniti la scosa settimana per discutere congiuntamente su problematiche particolarmente sentite al fine di potere coordinare azioni congiunte nel territorio su argomenti di comune interesse:

 

il primo: sicurezza e criminalità, questione che preoccupa particolarmente i nostri associati a seguito degli atti criminosi in continuo aumento in particolare ai danni delle imprese, sia che queste siano situate all’interno dei quartieri artigianali piuttosto che nei centri abitati; spesso il valore del materiale depredato non si avvicina neppure all’ammontare del costo necessario al ripristino dei danni e alle ore di lavoro perse per recuperare l’operatività aziendale. Allo scopo di sensibilizzare e trovare soluzione a tale problematica durante l’incontro si è deciso di organizzare un tavolo di confronto per il prossimo 19 novembre con tutti i sindaci del territorio unitamente alle forze dell’ordine al fine di intraprendere una collaborazione sinergica fra imprese, istituzioni e forze dell’ordine con lo socpo di avere e dare reciproci suggerimenti e metodi rivolti al contrasto degli atti criminosi.

 

Secondo argomento discusso ha riguardato l’accesso al mercato degli appalti da parte delle micro e piccole imprese; consapevoli che vi sia necessità di agire su tutto il territorio al fine di sensibilizzare gli amministratori locali a proporre bandi accessibili alle imprese locali; a tale proposito viene dato mandato ai tre Presidenti di formulare un piano d'azione.


Al termine della serata i convenuti si sono compimentati con i Presidenti Carboni Maurizio, Granelli Oreste e Roberto Rubini per l’iniziativa di unire i tre direttivi consapevoli che ciò darà maggiore forza al raggiungimento degli obiettivi.

Torna indietro

Lascia il tuo commento