Bando ISI INAIL: opportunità per il settore ristorazione e alimentare

pubblicato 17/03/2017 alle 15:01

articolo di Ufficio Stampa CNA Parma

Finanziamenti del 65%, fino a un massimo di € 50.000, a fondo perduto per interventi di ristrutturazione o acquisto di attrezzatura ricollegabili al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro per imprese operanti nel settore della ristorazione, gelateria, pasticceria, mensa, catering, bar e commercio di prodotti alimentari.


Sono interessate le micro e piccole imprese, cioè le imprese con meno di 50 occupati e un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 10 milioni di €, classificate in uno delle seguenti attività: ristorazione anche connesse alle aziende agricole, preparazione di cibi da asporto, ristorazione ambulante anche su treni e navi, gelaterie e pasticcerie anche ambulanti, mense, catering, bar e altri esercizi simili senza cucina, minimercati e commercio al dettaglio di prodotti alimentari.

 

Le attività andranno verificate con il relativo codice ATECO attribuito.

 

Le tipologie d’interventi ammessi sono:

 

 Ristrutturazione o modifica degli ambienti di lavoro, compresi gli eventuali interventi impiantistici ad essa collegati;

 Acquisto di attrezzature di lavoro per la lavorazione di prodotti alimentari.

 

 Questi interventi devono permettere la riduzione di uno o più dei seguenti fattori di rischio: taglio e/o cesoiamento, caduta, ustione da contatto e rumore.

 

Come anche previsto nei progetti d’investimento, nel caso di sostituzione di attrezzature le macchine da acquistare devono essere di proprietà dell’impresa che le deve alienare:

_____________________________________________________________________________________

 

L’Inail finanzia in conto capitale le spese sostenute per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. I destinatari degli incentivi sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura.

 

Fondi a disposizione e tipologie di progetto

 
L’Inail, tramite il Bando Isi 2016, rende disponibili per la Regione Emilia Romagna 19.170.498,00 euro.

I finanziamenti sono a fondo perduto e vengono assegnati fino a esaurimento, secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande.


Sono finanziabili le seguenti tipologie di progetto:

  1. Progetti di investimento
  2. Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale
  3. Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto
  4. Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività.

Il contributo, pari al 65% dell’investimento, fino a un massimo di 130.000 euro  (50.000 euro per i progetti di cui al punto 4), viene erogato a seguito del superamento della verifica tecnico-amministrativa e la conseguente realizzazione del progetto ed è cumulabile con benefici derivanti da interventi pubblici di garanzia sul credito (es. gestiti dal Fondo di garanzia delle Pmi e da Ismea).

 

Prima fase: inserimento online della domanda e download del codice identificativo


Dal 19 aprile 2017, fino alle ore 18.00 del 5 giugno 2017.

 

Per accedere alla procedura di compilazione della domanda l’impresa deve essere in possesso delle credenziali di accesso ai servizi online (Nome Utente e Password). Per ottenere le credenziali di accesso è necessario effettuare la registrazione sul portale Inail, nella sezione “Accedi ai servizi online”, entro e non oltre le ore 18.00 del 3 giugno 2017.

 

Seconda fase: invio del codice identificativo (click-day)


Le date e gli orari dell’apertura e della chiusura dello sportello informatico per l’invio delle domande, saranno pubblicati sul sito Inail a partire dal 12 giugno 2017.

 

Terza fase: invio della documentazione a completamento della domanda

 
Le imprese collocate in posizione utile per il finanziamento dovranno far pervenire all’Inail, entro e non oltre il termine di trenta giorni decorrente dal giorno successivo a quello di perfezionamento della formale comunicazione degli elenchi cronologici, la copia della domanda telematica generata dal sistema e tutti gli altri documenti, indicati nell’Avviso pubblico, per la specifica tipologia di progetto.

 

Per maggiori informazioni:

 

Tecna Srl

T. 0521/030551 | E-mail: info@tecnaparma.it

 

Torna indietro

Lascia il tuo commento